Nisida

Nisida

venerdì 2 settembre 2005

A NEW ORLEANS


Sembra un romanzo di fantascienza come quelli di Roberto Vacca, La morte di megalopoli o Il medioevo prossimo venturo.
A New Orleans sono stati sospesi i soccorsi: troppo pericoloso per gli operatori. 300 mila persone ancora da evacuare, ma la gente viene lasciata morire perchè non si riescono a controllare gli sciacalli che sparano anche agli elicotteri.
Una situazione gravissima per una città americana, dove occorre cibo per 25 mila persone, condannata a scomparire come con uno tsunami. Meno vittime ma danni materiali maggiori, oltre al rischio di epidemie.
Una catastrofe, una calamità naturale che stavolta ha quasi cancellato la città della musica, del jazz.
Disperso anche Fats Domino, che non ha voluto lasciare la sua casa.
E la Guardia Nazionale resta in Iraq. Ma quando si sveglieranno gli americani?

11 commenti:

  1. Fats Domino è stato portato in salvo proprio ieri da un elicottero. Ciao!

    RispondiElimina
  2. già...quando si sveglieranno? :-|

    RispondiElimina
  3. nell'aldilà? :-) No, beh, dai, qualche americano che fa casino c'è.
    Carolina

    RispondiElimina
  4. Sai come si stanno facendo chiatti, i terroristi/integralisti/fanatici! Peccato che Allah, per fare da solo, si è preso pure le 72 vergini di competenza...
    Comunque, mi sa che questa è la volta buona per togliere di mezzo Bush, che oltretutto, ha messo il paparino a raccogliere fondi. Speriamo.

    RispondiElimina
  5. "Farsi chiatti" che cosa vuol dire?
    Mo' me firmo io "Sorry"... :-)))
    Carolina

    RispondiElimina
  6. Farsi chiatti = ingrassare. Per la soddisfazione. Frase idiomatica dialettale napoletana...

    RispondiElimina
  7. Francamente se fossi un americano non sarei proprio felice di sapere che 7 mila riservisti stanno in Iraq a mie spese e che una marea di soldi anzichè essere impiegati nella riscostruzione verranno letteralmente buttati a bagdad e dintorni.
    Aloha,
    Box

    RispondiElimina
  8. si sveglieranno (a modo loro) quando decideranno di fare la prox guerra..

    asietta

    p.s. "chiatti" è espressione che si usa anche qui che disto da Napoli un 300 km più o meno :)

    RispondiElimina
  9. le ultime dal mio corrispondente USA sono che l'australopitecus sta: 1) Scaricando il barile sugli amministratori locali non suoi amici
    2) Smollando frettolosamente aiuti a quelli suoi amici
    3) Raccontando che comunque lui aveva avvisato di evacuare, e quindi sarebbe "in regola".
    Opinioni diffuse fra i repubblicani:
    - che comunque poveVi e minoVanze la menano tVoppo (un po' di dignità insomma), che poi oVmai con le boVse di studio va meglio a loVo che ai bianchi entVaVe nelle univeVsità, peV esempio, "siamo sinceVi"... :-)))
    - che adesso non sarebbe per niente vergognoso avere americani affamati che chiedono aiuto anche agli africani, visto che Bush sarebbe stato il Presidente più provvido di aiuti all'Africa di tutta la loro storia - il che è possibile, sarebbe da verificare.
    - Che la Louisiana comunque è una roccaforte repubblicana e, sì, la gente sarà un po' alterata, ma in fondo solo a New Orleans, che non è manco la città più abitata.
    - Che poi Bush forse lo manderebbero anche via, ma non sotto il "diktat" dell'opinione pubblica soprattutto europea, che è così lamentosa e in vena di dar loro lezioni su come si vive - da cui deriva che la sconfitta di Kerry è colpa di noialtri. D'ora in poi battiamogli le mani, a Bush, allora, soprattutto se nei prossimi giorni lo segano... :-)))
    Carolina

    RispondiElimina
  10. gli americani lo hanno rivotato Bush, quindi mo' che cacchio vanno trovando?
    E spero di non dover dire le stesse cose se il nano ce la rifa'.
    In quel caso pero' sarebbe tutto merito di questa sinistra del cappero.

    RispondiElimina
  11. dicono che l'han fatto per ripicca verso di noi, mi pare... :-)))
    Carolina

    RispondiElimina