Nisida

Nisida

martedì 31 marzo 2009

SAVIANEIDE -2

La Stampa pubblica un articolo di Fabrizio Rondolino dal titolo:
Un gadget chiamato Saviano

Rondolino analizza il fenomeno del "supereroe" Roberto Saviano, partendo da Alessandro Magno e arrivando alla polemica di Leonardo Sciascia, sui "professionisti dell'antimafia".
Cita anche un famoso slogan : «Piace alla gente che piace» che lanciò sul mercato la Lancia Y10, prima utilitaria di lusso.

In sintesi, la lotta alla camorra come "moda", attraverso un'operazione mediatica voluta dallo stesso Saviano.

11 commenti:

  1. utente anonimo31 marzo 2009 21:23

    uscita e rientrata- leggo lo sferzante articolo e la tua efficace sintesi-
    lucrè

    RispondiElimina
  2. in effetti non ho preso posizione, ho ancora da capire.
    Mi dispiace che Rondolino, uscito fuori da un coro, sia rientrato in altro coro e che La Stampa riecheggi discorsi uditi altrove.
    Magari il giornale è interessato alla quadriglia dei direttori.
    Vien da pensare che i nemici di Saviano non siano tanto i camorristi ma i "professionisti" della notizia.

    RispondiElimina
  3. Come dicevo già altrove, Saviano rischia più di morire per "avvelenamento da inchiostro" da parte dei suoi "colleghi" piuttosto che dal piombo delle pistole dei camorristi.

    RispondiElimina
  4. Beh sono qui tutta orecchi...quando parla un autore del Grande Fratello e di librini porno ridaroli, ex consulente di D'Alema , non posso fare a meno di prendere nota.

    RispondiElimina
  5. sappi che ha trasferito tutta la sua scienza infusa su Facebook, dove suscita grandi discussioni con argomentazioni analoghe a quelle dell'articolo (qualcuno gliene dice un po')

    RispondiElimina
  6. Ebbene si ripristini la compianta rubrica di Cuore : E chissene frega.

    RispondiElimina
  7. ovviamente il chissenefrega ci sta tutto, è andato ad ingrossare le fila dei detrattori di Saviano.... capirai.
    Però nessuno scrive di Di Meo e di come è diventato giornalista.

    RispondiElimina
  8. Ecco un altro che cita, in buona sostanza, Schiavone sr.

    RispondiElimina
  9. Anche lui possiamo inserirlo nella rubrica.
    E poi poteva pure aver preso una laurea ad Harvard in giornalisteria, se non si sa comportare è un cavolo e tutt'uno.
    Certo dopo due milioni di copie vendute, il film, la notorietà, Stoccolma, ci mancavano gli scrittori internazionali a tessere gli elogi...il fegato a questo punto potrebbe anche avere seri problemi.

    RispondiElimina
  10. possono dire quello che vogliono. Vedere quella sera Saviano in mezzo ad Auster e Grossman non ha prezzo (senza mastercard).
    E assieme al fegato se ne va pure la coratella :-D

    RispondiElimina
  11. Ma poi...volendo rispondere seriamente : che c'entrano le carriere di un giudice ed un politico (Borsellino e Orlando) con quella di uno scrittore.
    Se Sciascia avesse voluto alludere agli scrittori, si sarebbe dovuto includere nel novero lui per primo.

    RispondiElimina