Nisida

Nisida

domenica 7 dicembre 2008

ISOLA INFERNALE

Finalmente una bella giornata. Un bel cielo terso ci ha fatto venire voglia di fare un giretto, approfittando dei negozi tutti aperti per l'Immacolata.
Siamo arrivati nell'isola pedonale di via Scarlatti, che era così piena di gente che a stento si riusciva a camminare.
Arrivati al primo incrocio, c'era un ragazzo vestito da clown che al suono di una musichetta scema si dimenava in piedi su una scatola e cercava di intrattenere alcuni perplessi bambini.
Un po' piu' sopra , davanti alla fontana di Tatafiore, c'erano i soliti Finti Illimani, che ormai impazzano in giro per la città, con il loro banchetto di vendita cd, suonando amplificato il flauto di Pan.
Giusto di fronte, davanti al megastore Zara, un Babbonatale nero, picchiava con molto vigore su un bongo, lanciando di tanto in tanto, grida strazianti.
Qualche metro più sopra, dove stazionano gli amici degli animali che danno in adozione cani e gatti, un concerto canino faceva sentire la propria voce. Spiccava su tutti l'ululato profondo di un bassethound dal mantello bianco e arancio, come la Pimpa.
Ululati di ambulanze giungevano da piazza Vanvitelli, a completare.
Credo che se qualcuno si fosse preso la briga di misurare l'inquinamento acustico avremmo avuto belle sorprese. Probabilmente c'è più casino nell'isola pedonale, che nasce come luogo di pace e distensione per la popolazione, che nell'incrocio più trafficato della città, tipo il Museo.
Aridateci le macchine a via Scarlatti.

7 commenti:

  1. E' tutto uguale, ogni anno, i personaggi ci sono tutti e sono sempre quelli :)

    RispondiElimina
  2. utente anonimo8 dicembre 2008 10:44

    Ci sono decibel e decibel... preferisco quelli dell'ammuina a quelli del traffico.

    Per la quiete suggerisco il bosco di capodimonte o la floridiana (che immagino più vicina a te).

    RispondiElimina
  3. utente anonimo8 dicembre 2008 10:44

    Ci sono decibel e decibel... preferisco quelli dell'ammuina a quelli del traffico.

    Per la quiete suggerisco il bosco di capodimonte o la floridiana (che immagino più vicina a te).

    RispondiElimina
  4. ovviamente scherzavo, ano'
    Però ci sono cose strane. ad esempio nella zona dei Decumani nei fine settimana la gente che vi abita non riesce a dormire, tanto che un simpatico signore è diventato famoso in zona per i lanci d''acqua. Si fanno le isole pedonali e poi si abbandonano a sè stesse.

    RispondiElimina
  5. ovviamente scherzavo, ano'
    Però ci sono cose strane. ad esempio nella zona dei Decumani nei fine settimana la gente che vi abita non riesce a dormire, tanto che un simpatico signore è diventato famoso in zona per i lanci d''acqua. Si fanno le isole pedonali e poi si abbandonano a sè stesse.

    RispondiElimina
  6. E' da parecchio che non vedo Napoli. Anche oggi il cielo terso mi manca, manca alla voglia che avrei di trattenermi in quei luoghi....lunghissimamente.

    RispondiElimina
  7. pierre, ieri c'era un gran bel cielo terso e azzurro luminoso. Oggi si cambia: diluvio universale e vento gelido a raffiche. C'è un'atmosfera nordica triste triste.

    RispondiElimina