Nisida

Nisida

mercoledì 22 ottobre 2008

DOMANDONA

Quanto ci ha messo Giovanni Lettieri, presidente dell'Unione Industriali, a rifiutare l'investitura fattagli sul campo da Re Artù Berluskaiser?

Tre secondi netti.

13 commenti:

  1. Magari avrà pensato che una candidatura è l'esito di una riflessione all'interno del gruppo o del partito che si intende rappresentare?
    Meno male che il vento di follia ogni tanto ne risparmia qualcuno.

    RispondiElimina
  2. Magari avrà pensato che una candidatura è l'esito di una riflessione all'interno del gruppo o del partito che si intende rappresentare?
    Meno male che il vento di follia ogni tanto ne risparmia qualcuno.

    RispondiElimina
  3. Lettieri spesso ha criticato Jervolino e Berlusca non si è perso l'occasione per fare lo spottone.
    Ha solo dimenticato che lui era lì nelle vesti di PresDelCons e non di capo del Pdl, che prsentava il proprio candidato.

    Ho appena visto la Palin fare secca la Gelmini, dalla Dandini. Ieri sera c'era un Capezzone tal quale.

    RispondiElimina
  4. Lettieri spesso ha criticato Jervolino e Berlusca non si è perso l'occasione per fare lo spottone.
    Ha solo dimenticato che lui era lì nelle vesti di PresDelCons e non di capo del Pdl, che prsentava il proprio candidato.

    Ho appena visto la Palin fare secca la Gelmini, dalla Dandini. Ieri sera c'era un Capezzone tal quale.

    RispondiElimina
  5. Non se ne parla per stasera, c'è un esponente del movimento degli studenti a Matrix. Per una volta che gli danno la parola...

    RispondiElimina
  6. si, ora seguo, anche se guardare Cota è veramente al disopra delle mie capacità.

    RispondiElimina
  7. Mi raccomando di tenere d'occhio anche il giovane e pericoloso sovversivo...

    RispondiElimina
  8. ma chi è il barba che lo cazziava?

    RispondiElimina
  9. Un trombone. Manco il povero Brancaccio si fosse iscritto ai suoi corsi per prendere lezioni.
    Senza considerare l'inopportunità dell'intervento.
    Uno che fa politica si preoccupa di collegare il disagio dei suoi a quello di altre categorie egualmente disagiate.
    E lui dagli a consigliare agli studenti universitari una visione corporativa del problema.
    Bell'insegnamento.

    RispondiElimina
  10. Un trombone. Manco il povero Brancaccio si fosse iscritto ai suoi corsi per prendere lezioni.
    Senza considerare l'inopportunità dell'intervento.
    Uno che fa politica si preoccupa di collegare il disagio dei suoi a quello di altre categorie egualmente disagiate.
    E lui dagli a consigliare agli studenti universitari una visione corporativa del problema.
    Bell'insegnamento.

    RispondiElimina