Nisida

Nisida

venerdì 18 aprile 2014

Pastiera taim



E' tempo di pastiere e qui siamo in piena cottura.
Questa volta racconto la leggenda della pastiera.
La sirena Partenope, incantata dalla bellezza del golfo, aveva scelto di viverci e ogni primavera emergeva dalle acque e salutava gli abitanti con i suoi canti.
Un giorno, per ringraziare lei e il mare per la pesca fruttuosa, i pescatori decisero di offrirle quello che avevano di prezioso e scelte sette fanciulle, consegnarono i doni alla sirena, i sette ingredienti della pastiera:

farina
ricotta
uova
grano bollito nel latte
essenza di fiori d'arancio
cannella
zucchero

La sirena prese i doni e li portò sul fondo del mare e li depose ai piedi degli Dei.
Gli Dei, commossi, mescolarono con arte divina gli ingredienti e nacque così la prima pastiera.

Si racconta poi che Maria Teresa D'Austria, moglie del re Ferdinando II di Borbone, soprannominata dai soldati “la Regina che non sorride mai”, cedendo alle insistenze del marito ghiottone, assaggiò una fetta di Pastiera e non poté fare a meno di sorridere, compiaciuta alla bonaria canzonatura del Re!
La storia di Maria Teresa:

A Napule regnava Ferdinando
Ca passava e’ jurnate zompettiando;
Mentr’ invece a’ mugliera, ‘Onna Teresa,
Steva sempe arraggiata. A’ faccia appesa
O’ musso luongo, nun redeva maje,
Comm’avess passate tanta guaje.
Nù bellu juorno Amelia, a’ cammeriera
Le dicette: “Maestà, chest’è a’ Pastiera.
Piace e’ femmene, all’uommene e e’creature:
Uova, ricotta, grano, e acqua re ciure,
‘Mpastata insieme o’ zucchero e a’ farina
A può purtà nnanz o’Rre: e pur’ a Rigina”.
Maria Teresa facett a’ faccia brutta:
Mastecanno, riceva: “È o’Paraviso!"
E le scappava pure o’ pizz’a riso.
Allora o’ Rre dicette: “E che marina!
Pe fa ridere a tte, ce vò a Pastiera?
Moglie mia, vien’accà, damme n’abbraccio!
Chistu dolce te piace? E mò c’o saccio
Ordino al cuoco che, a partir d’adesso,
Stà Pastiera la faccia un po’ più spesso.
Nun solo a Pasca, che altrimenti è un danno;
pe te fà ridere adda passà n’at’ anno!” 




(le pastiere in foto, con tanto di merlettino, che anche l'occhio vuole la sua parte, sono prodotte dalla pasticceria Royal di Vallo della Lucania)

2 commenti:

  1. Rosaria Donzelli23 aprile 2014 09:08

    Questa storia è bellissima Claudia ,non la conoscevo, la devi pubblicare su Facebook, compresa quella di Maria Teresa

    RispondiElimina
  2. qualcuno lo ha già fatto, forse ha letto il blog :-)
    Anche io ne sono venuta a conoscenza da poco tempo, è davvero carina.

    RispondiElimina