Nisida

Nisida

venerdì 23 ottobre 2009

ARREDO URBANO - Seconda puntata

Sono passati diversi giorni e finalmente si comincia a chiarire il progetto di arredo urbano della new isola pedonale (vedi post del 12 ottobre).
Stamani non sapevo se ridere o piangere. All'interno del sarcofago fotografato nell'altra puntata, sono spuntati come funghi 3 cazzoni di travertino (credo).
Tre cazzoni per ogni sarcofago fanno la bellezza di dodici cazzoni per incrocio. Una selva. Sono forniti anche di un anello, sicchè si pensa che verranno incatenati.
Domani vado a rileggermi la tabella. Voglio sapere chi ha firmato il progetto di una simile oscenità.
Ora manca solo che qualcuno infili una busta di plastica a mo' di preservativo ed è fatta.


arredo urbano 2
arredo urbano 3

12 commenti:

  1. alcuni commenti amichevoli:

    Sembrano gli ornamenti che Rocco Siffredi usa nella sua villa in luogo dei nanetti da giardino delle villette a schiera brianzole...

    Troppo buzzurri per pensare che possa trattarsi di un richiamo agli idoli atzechi alla fecondità, diciamo.

    Per cortesia, qualcuno chiami Riccardo Schicchi per la rimozione. Si prega colloc...are la foto all'ingresso dei seggi per le primarie Pd.

    RispondiElimina
  2. Il progettista: "ho un'idea: quelli del Comune mi hanno detto che l' 'opera' dev'essere chiara e circoncisa!" ;)

    RispondiElimina
  3. il sacchetto sarebbe un vero tocco di classe!

    RispondiElimina
  4. no, idraulico, non vibrano, stanno inchiommati nel cemento

    RispondiElimina
  5. utente anonimo26 ottobre 2009 18:50

    lucrezia dice:
    Si chiamerebbero "dissuasori" se solo non avessero quella forma.  Ad averli pensati pietrosamente cazzuti  è stata una donna, Teresa  B., quest'anno è andata in pensione e lasciando quel triste ufficio tecnico dove ha lavorato una vita ha salutato tutti con questo suo bel progetto" i persuasori" così li ha chiamati.  I vomeresi  solo tra  qualche anno capiranno la portata di cotanta opera e riconoscenti affiggeranno una lapide " A Teresa B. inventrice dei persuasori , nuovo simbolo di una merce eccitante, esposta in ogni vetrina"

    RispondiElimina
  6. in attesa della lapide, Teresa affligge noialtri. E' stata infelice questa idea, perchè coincide con l'aumento del 60% della Tarsu e i persuasori danno tanto l'idea di una metafora.

    RispondiElimina
  7. Che uno li abbia progettati passa. Ovvero nella sua vita non vedeva altro. Più stupido ancora chi ha dato seguito al progetto sentendosi affascinato dall’artistica forma.

    RispondiElimina
  8. i vomeresi, grati, con una raccolta firme, chiederanno al comune di Napoli, sezione Toponomastica, di cambiare il nome della strada in Via della Fava.
    Luca Giordano non merita tanto.

    RispondiElimina
  9. ma scusa! abbiamo dimenticato forse i lampioni-supposte della villa comunale???????

    RispondiElimina
  10. e chi le dimentica quelle schifezze? E fossero solo le supposte, hai visto le "casette" chalet?
    A via Scarlatti, sempre in tema di porcherie, c'è sempre la vasca dei capitoni di Tatafiore. Ieri ci sono passata, avevano messo i pesci rossi che sono morti tutti, galleggiavano a pancia all'aria che facevano pietà. Chissà che c'è in quell'acqua

    RispondiElimina