Nisida

Nisida

giovedì 25 maggio 2006

SONO TRISTE

Io quando mi viene la malinconia, vorrei non dover dire perchè sto male.
Mi ripiego su me stessa e non mi va di raccontare. Pero’ vorrei che le persone che mi sono vicine leggessero dentro di me e mi rassicurassero. Vorrei che capissero, senza bisogno di troppe parole che in quei momenti i fantasmi si agitano dentro di me, pronti a venir fuori, a trascinarmi via.
Oggi ero sola e pensavo alla morte.
Dei miei genitori, della mia sorellona, delle cose dette e di quelle mai dette o dette troppo tardi, dell’inutilità dei miei pensieri eppure così difficili da spazzare via.
Degli amici, uno in particolare con cui ho condiviso una bella fetta di vita, che non ci sono più, anche se nel mio ricordo continuano a vivere. E non invecchieranno mai, resteranno sempre giovani, come le foto dei miei album.
Mentre io adesso sono già piu’ vecchia di mia madre.
Degli animali che ho amato e che mi hanno amato e sono tanti, che ora sono sotto il glicine del giardino, un giardino che non è più il mio.
Della mia mancanza di fede che mi impedisce di pensare che un giorno li rivedrò.
Che bella fregatura non essere credenti.
Ma nessuno si accorge di questa malinconia, nessuno riesce a passare oltre l’apparenza di una persona che vive le sue giornate come se fosse un cartone animato, oltre la maschera che ormai si è fusa con la faccia fino a non riuscire piu’ a distinguerle.

Per fortuna questi momenti passano in fretta e anche adesso sono pronta a rispuntare fuori dalla scatola come un misirizzi, Jack in the pot.
Mio nonno diceva sempre che sembravo per i miei salti d’umore “ ‘a langèlla abbascio ‘o pùzzo ..... scènne rerènno e sàglie chiagnènno” (il secchio che scende nel pozzo, ride quando scende vuoto e stride e piange quando sale per l’acqua che trabocca, simile a lacrime).
Oggi se il nonno fosse vivo mi direbbe che sono bipolare.

26 commenti:

  1. uè, ti lascio in un modo e ti ritrovo in un altro...e ancora una volta, teneva ragione tuo nonno!
    Io avanzo un'ipotesi, http://www.inkspinster.com/depressione.htm
    se sapessi che hai cucinato stasera, la risposta ce l'avrei in tasca.
    Perdonami sta strunzatella, era un modo per dirti "sono vicina".
    'Notte.

    RispondiElimina
  2. l'importante è che questi momenti passino in fretta :)

    asietta

    RispondiElimina
  3. Jenè che hai mangiato ieri sera? i puparuoli di roquentin ... Marò che brutto effetto che fanno !
    Se ti può consolare sei in buona compagnia quando mi capita ecco la produzione:
    I corvi neri
    servi fedeli
    della nera signora
    imprevedibili
    a tradimento
    senza preavviso
    planano
    sfrecciano
    agitano le ali
    lasciano nell'aria
    grigio nerofumo
    si dileguano
    e poi ritornano.

    Mi tocco il viso
    e da recessi lontani
    una inquietudine antica.

    Sulla mia mano
    uno sgorbio sudicio
    nell'anima
    una screziatura confusa

    Parole luminose
    si mutano
    in simboli
    inafferrabili
    color del piombo

    I pensieri si avvoltolano
    ruotano su stessi
    labirinti senza uscita
    Le parole si incrociano
    si incontrano
    eco del nulla

    I corvi neri
    servi fedeli
    della nera signora
    volano compatti.

    RispondiElimina
  4. Da bravo lunatico penso di poter afferrare i tuoi pensieri... purtroppo sappiamo bene che poi questi momenti passano, e poi torneranno. Le maschere che ci portiamo addosso ci servono a vivere, perchè siamo stesso noi a volte a capire che non potremmo vivere sempre proiettati nei nostri soli pensieri, nelle nostre paure, e forse le usiamo per uscire fuori, per buttare via un pò di questa malinconia... kram och puss Jenè! (baci ed abbracci...)

    RispondiElimina
  5. utente anonimo25 maggio 2006 11:38

    Jenè, capita anche a me, ma ho trovato un mio posto per sentirmeli tutti vicini. Quando sono malinconica vado lì, mi ci metto seduta e subito va meglio. Non credo in Dio, ma sono certa non siano tanto lontani da me. Abbraccio.
    Spaiata

    RispondiElimina
  6. Non so se i credenti stiano meglio di noi e se davvero siano sicuri di ritrovare i loro cari nell'empireo...
    So però che nessuno può toglierci i ricordi che abbiamo delle persone e degli animali che ci hanno voluto bene, e che ricordare chi non c'è più ti fa sentire meno solo.

    RispondiElimina
  7. La malinconia, è l'unico modo per ritrovare e sentire vicino coloro che sono andati via.
    Io sono malinconia spesso e non mi dispiace affatto... è uno stato d'animo molto ricco, e la pesca nel mare di certi ricordi è sempre una pesca fortunata.
    Comunque la malinconia non dura, come del resto la felicità, la rabbia, la noia, o come tutti gli altri stati d'animo.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. grazie a tutti, siete davvero simpatici.
    Non ho mangiato i puparuoli, solo un panino al prosciutto. Stanotte non riuscivo a dormire e l'ho passata sul divano a leggere il libro che mi ha consigliato rochentèn, Le teste scambiate di Mann. Ce l'avevo nella libreria e me ne ero dimenticata. Davvero ne valeva la pena. Una bella storia che ha origine da una leggenda indiana.
    Mi ha distratta dai pensieri e dall'insonnia e stamattina mi sento uno straccio, tanto sono ammappuciàta. :-))

    RispondiElimina
  9. polly, è graziosissima la vignetta

    mianonna, bella poesia, grazie :-)

    RispondiElimina
  10. E' una lettura che ti riconcilia con la vita. Fammi sapere che cosa ne pensi quando l'hai finito.

    RispondiElimina
  11. guarda sono stato talmente colpito che ti voglio dare un abbraccio
    va bene con un braccio solo? visto che l'altro è immobilizzato?

    RispondiElimina
  12. Se può consolarti tutti conviviamo con la morte di qualcuno prima o poi e non può essere di consolazione, in questo, l'essere credenti (anche i papi hanno paura di morire) quanto piuttosto che l'ordine naturale della cose venga rispettato.
    Io nell'aldilà (se esistesse) incontrerei una piccola mamma ragazzina di 33 anni, e per un "vecchio" come me forse non sarebbe normale.
    Mia moglie, forse, ti direbbe la stessa cosa di tuo nonno ma a differenza di altri psichiatri non ti prescriverebbe pillole ma proprio i puparuoli che tu non hai mangiato e che, come è noto, fanno sognare a colori :-)

    RispondiElimina
  13. marassi, quando ho detto della mancanza di fede che mi impedisce di pensare che un giorno li rivedrò, pensavo ad una vecchia signora che oggi ha 90 anni. Suo figlio, bellissimo ragazzo, a 22 anni morì per una sincope durante una gara di pesca subacquea. La sua casa è piena di foto e lei aspetta serenamente la morte pensando di ricongiungersi al figlio e al marito.
    Io a volte invidio che ce l'ha la fede.

    RispondiElimina
  14. grazie, riflexioni, un braccio basa eccome. Ma quanto tempo ancora devi stare immobilizzato?

    rochentèn, penso di finirlo stasera, poi ti dico.

    RispondiElimina
  15. puparuoli molto più sballanti del peyote ...allora anche Charlie Bukowsky e i Beatles si facevano con l'ortaggio

    RispondiElimina
  16. Solo John Lennon. McCartney mangiava in bianco

    RispondiElimina
  17. effettivamente mc cartney ce l'ha la faccia lessa :-)))

    però i puparuoli vanno assortiti per colore, altrimenti si sogna in monocromia. :-D

    RispondiElimina
  18. Il top sono i "puparuoli imbottonati"

    RispondiElimina
  19. fate attenzione che vigente la fini -giovanardi sulle sostanze tossiche qui catalogano anche il puparuolo come sostanza vietata ...e non mi pare che abbiamo deciso la quantità oltre la quale è spaccio ... quindi si beccano roquentin lo ingabbiano e buttano la chiave ...altro che i colombiani
    e poi del sciummariello cosa ne dite ? (i puparulielli piccoli verdi) ....

    ps ps
    stasera ..molignane grigliate e messe a bagno in guazzetto olio, aceto aglio e basilico...alla faccia di SB

    RispondiElimina
  20. grazie, Polly :-)))))

    mo' pure 'e mulignane, Rafè? Qua non ci facciamo mancare niente.
    'e ciummarielli ne tengo 2 buste, li faccio fritti con la pummarulèlla e ci condisco i famosi paccheri. Io vado pazza per i primi piatti.

    RispondiElimina
  21. Data la panza che si ritrova, Roq tin tin può facilmente sostenere la tesi dell'uso personale

    RispondiElimina
  22. Jené, hai visto come si trasforma un post intitolato "sono triste" in un voudeville!

    RispondiElimina
  23. tutto merito dei puparuoli, marà ;-)

    ora sono curiosa, se faccio un post "SONO ALLEGRA" come andrà a finire?
    Ca' ce mettìmme a chiàgnere tuttu quante?

    uh maro', ccà se stanno appicciànne 'e mulignane.

    RispondiElimina